Feed RSS dei contenutiNotizie recenti

Dobbiamo cancellare la vergogna della vendemmia di Canelli »

Di Monica Cerutti
Oggi insieme agli altri colleghi della Giunta regionale sono ad Asti per un’incontro con le parti sociali e i sindaci del territorio. Una delle questioni che è stata posta è la vergogna della vendemmia di Canelli.
Nelle colline dell’astigiano ogni anno si producono 120 milioni di bottiglie di vino. Si tratta del distretto produttivo dello Spumante e del Moscato. A occuparsi della gestione del lavoro della vendemmia sono alcune cooperative che assumono per due settimane circa braccianti dell’Est Europa che sono costretti a lavorare a condizioni lavorative e umane umilianti. Leggi tutto

Chiamparino: “Torino torni ad investire sull’industria manifatturiera” »

Il sindaco delle Olimpiadi e del rilancio turistico della città lancia la proposta nell’assemblea convocata dal vescovo Nosiglia per un nuovo patto sociale dello sviluppo
di GABRIELE GUCCIONE
Quasi se ne scusa: “Lo dico io che sono stato il sindaco che ha promosso la vocazione culturale e turistica della città e che ha gestito le Olimpiadi”. Ma il presidente della Regione, Sergio Chiamparino, sceglie il pulpito dell’assemblea dell’”Agorà del sociale”, voluta dall’arcivescovo Cesare Nosiglia alla ricerca di un nuovo “patto” con le istituzioni e i decisori politici ed economici della città, per lanciare un messaggio a suo modo inatteso. Leggi tutto

Nosiglia: il lavoro è bloccato da incrostazioni e veti incrociati »

«Il sistema culturale, sociale, politico del Paese sta cambiando e quindi anche il mondo del lavoro deve trovare strade di cambiamento»
Maria Teresa MARTINENGO
«Il sistema culturale, sociale, politico del Paese sta cambiando e quindi anche il mondo del lavoro deve trovare strade di cambiamento. Ma questo va fatto insieme, non con la rottura, né solo con le parole, ma con programmi». Nella densa mattina di assemblea dell’Agorà del sociale – al centro lavoro e welfare – l’arcivescovo Cesare Nosiglia ha ripreso, a margine dell’incontro, le affermazioni della Cei: «”Insieme” – ha detto – non significa però che chi ha il dovere di prendere decisioni debba aspettare che tutti siano d’accordo, deve a un certo punto decidere» perché il sistema lavoro «è troppo bloccato da veti incrociati e incrostazioni». Leggi tutto

Pescia, momenti di tensione per le manifestazioni sull’immigrazione »

Da una parte Casa Pound ha sfilato per chiedere più tutele per gli italiani, dall’altra i comitati antifascisti a sostegno dei rifiugiati
Montecatini 28 settembre 2014 - Traffico bloccato in via Amendola, borgo della Vittoria, ruga Orlandi e piazza Mazzini. Serrande dei negozi tirate giù. Genitori preoccupati di tenere al sicuro i figli più piccoli. Tantissimi tra carabinieri, poliziotti e vigili urbani sparsi per le vie del centro. Nuclei operativi antisommossa e unità cinofile antiesplosivo pronte ad intervenire. Insomma, una città blindata per il passaggio del corteo di CasaPound Italia. In tanti, ma meno di quanti le stesse forze dell’ordine prevedevano, sono partiti dalla piazza antistante l’ex mercato dei Fiori di via Amendola e sfilato per la città sventolando la bandiera tricolore al grido di «Basta immigrazione. Prima gli italiani». Leggi tutto

Asilo in Europa: la “teoria” e la pratica »

Fra gennaio e agosto 2014 le domande d’asilo nell’Ue hanno registrato un aumento poco inferiore al 30% rispetto allo stesso periodo del 2013. Una domanda su cinque è stata presentata da cittadini siriani. Intanto, il rapporto “Mind the gap” 2013-2014 del progetto Aida ha denunciato un persistente divario fra la “teoria” del Sistema comune europeo d’asilo e la stridente realtà che attende i richiedenti asilo in 15 Paesi membri dell’Ue.
Da gennaio ad agosto 2014, secondo le prime anticipazioni Easo sul periodo, le domande d’asilo presentate nell’Ue sono state il 28% in più rispetto ai primi otto mesi del 2013. In tutto il 2013 l’aumento rispetto al 2012 era stato del 30%. Leggi tutto

Immigrazione e preferenze politiche degli elettori »

Guglielmo Barone, Alessio D’Ignazio, Guido De Blasio e Paolo Naticchioni
flussi di immigrazione che nel recente passato hanno caratterizzato il nostro paese hanno contribuito a modificare le preferenze dell’elettorato, a favore dei partiti che sostengono una regolamentazione più restrittiva del fenomeno. Escluse, però, le grandi città. I risultati di uno studio.
La letteratura sugli effetti dell’immigrazione per i paesi di destinazione si è prevalentemente concentrata sulle conseguenze economiche (ad esempio, nel mercato del lavoro o sugli equilibri della finanza pubblica) e sulle sfide poste alle politiche pubbliche (ad esempio, in termini di integrazione scolastica). Leggi tutto

Mare Nostrum, Affari Vostri: »

di Federico Ciapparoni
Così i Singoli Stati Affrontano il Problema Immigrazione

Disperazione e speranza. Sono questi i veri carburanti che girano nei motori delle centinaia di barconi che ogni mese salpano, colmi di corpi ammassati, verso le coste italiane.
All’epilogo dell’ennesima estate all’insegna degli sbarchi, il bilancio è drammatico: fonti del governo riportano che da gennaio ad oggi, nei nostri centri di accoglienza, sono stati registrati 118 mila immigrati, mentre circa 2600 hanno perso la vita o risultano dispersi nel canale di Sicilia. Leggi tutto

Migranti, è genocidio »

Appello di Alex Zanotelli
Il missionario si rivolge all’Ue «si creino corridoi umanitari», al governo Renzi «mantenga Mare Nostrum che ha salvato tante vite», alla Chiesa «apra le canoniche e i conventi ai rifugiati».

Padre Alex Zanotelli lancia un nuovo appello – ribadito ieri alla manifestazione di Firenze “Facciamo insieme un passo di pace” – ai missionari italiani e alle istituzioni sul tema dei migranti che cercano rifugio sulle nostre coste. Una crisi umanitaria che non può lasciare indifferenti. Leggi tutto

Consiglio d’Europa: in Italia “insufficiente attenzione” alla tratta di esseri umani »

Strasburgo – In Italia c‘è “insufficiente attenzione” alla tratta di esseri umani. Tra il 2011 ed il 2013 sono state ufficialmente assistite 4.530 persone, ma è solo la punta dell‘iceberg. Il primo rapporto di monitoraggio del Gruppo di esperti del Consiglio d’Europa contro la tratta di esseri umani (Greta) boccia il nostro Paese. Leggi tutto