Feed RSS dei contenutiNotizie recenti

Profughi. 86 mila nei centri di accoglienza, soprattutto temporanei »

Profughi. 86 mila nei centri di accoglienza, soprattutto temporaneiAlfano: “Il sistema di accoglienza non può fare a meno di strutture temporanee. Altri 10 mila posti nello SPRAR”
Roma – 29 luglio 2015 –  86 mila persone soccorse nel Mediterraneo o comunque arrivate sulle nostre coste con i barconi oggi sono ospiti di strutture di accoglienza in Italia.
Si tratta di strutture soprattutto “temporanee”, come quelle che hanno scatenato le proteste tra i residenti di Quinto, vicino Treviso, o di Casale San Nicola, alla periferia nord di Roma. Leggi tutto

Aperta la posta multietnica dove si parla cinese e arabo »

in via Lomazzo il primo ufficio plurilingue Tra via Padova e Bande Nere altre nuove sedi
di Giuliana De Vivo

Ziyi ha 16 anni, viene dalla Cina ed è l’unica tra i suoi parenti a capire l’italiano: la sorella 20enne, suo padre e suo madre, che sono assieme a lei nell’ufficio postale di via Lomazzo, accennano un sorriso senza riuscire a rispondermi quando chiedo loro come si chiamano. Leggi tutto

Stranieri, quando il lavoro «integra» »

da www.ilsole24ore.com
di Rossella Cadeo
Sui migranti il dibattito è sempre aperto: è della settimana scorsa la notizia dell’accordo faticosamente raggiunto in sede Ue per la redistribuzione di 32mila profughi così come quella dei disordini a Treviso e a Roma con il relativo strascico di polemiche. Ma se l’accoglienza dei richiedenti protezione resterà a lungo un problema di ardua soluzione, la presenza di immigrati nel mondo è da anni una realtà alla quale ciascun Paese ha dato risposte diverse. Leggi tutto

Cittadinanza: ius soli per chi nasce in Italia, ius culturae per chi arriva »

Depositato alla Camera il testo unificato che raccoglie le 24 proposte di legge sulla modifica della legge 91/92. Si introduce per tutti (e non solo per gli apolidi) il principio dello ius soli temperato, ma per i minori che arrivano entro i 12 anni è previsto anche un ciclo di studi di cinque anni.
ROMA – Ius soli temperato per chi nasce in Italia, ius culturae per chi arriva nel nostro paese entro i 12 anni di età. Per diventare cittadini italiani non conterà più solo la discendenza, e cioè lo ius sanguinis (diritto del sangue) ma anche la nascita nel nostro paese (ius soli, diritto del suolo) e l’acquisizione della cultura italiana. Sono queste le novità principali previste dal testo unificato sulla riforma della legge 91/92, depositato oggi alla Camera. Leggi tutto

“Moschea” in Comune, interviene la Curia: “La scelta sia per tutti” »

"Moschea" in Comune, interviene la Curia: "La scelta sia per tutti"Sulla sala di preghiera allestita a Palazzo Civico per gli ospiti di un convegno islamico Nosiglia chiede lo stesso trattamento per le altre religioni. E Alfano: “Irresponsabile impedire di pregare”
“Ci auguriamo che la scelta, da parte dell’amministrazione comunale di Torino, di concedere una sala per la preghiera ad alcuni fedeli musulmani che partecipano a un convegno pubblico sia il segno del superamento di quel blocco ideologico che separa laicità e vita di fede; un blocco che finora ha eretto steccati anacronistici che non riconoscono il valore anche civile dei simboli e delle esperienze religiose, di cui la preghiera è certamente una delle più importanti”. Leggi tutto

Ad avermi buttato in mezzo a una strada, a 50 anni, non è stato uno zingaro e nemmeno un africano. »

da: Biografía de Michele Monteleone
“Ad avermi buttato in mezzo a una strada, a 50 anni, non è stato uno zingaro e nemmeno un africano. E’ stato De Benedetti. A far di me un peso morto è stata la Fornero. A fingere di proteggermi intanto che si facevano i cazzi loro, non sono stati gli extracomunitari, ma i sindacati.
A prendermi per il culo dicendo una cosa e facendo l’opposto, è Renzi, non i rumeni. A stravolgere la nostra Costituzione anzichè imporne il rispetto, è il parlamento italiano, non quello tunisino. Leggi tutto

Servizio civile, cambia il bando: ok a tutti i ragazzi stranieri »

Non serve più la carta di soggiorno, termine per le domande prorogato al 20 agosto. Il governo si adegua alla sentenza della Corte Costituzionale
Roma  - 23 luglio 2015 –  Cadono le ultime barriere alla partecipazione dei ragazzi stranieri al Servizio Civile Nazionale.
Dopo la sentenza della Corte Costituzionale che ha cancellato il requisito della cittadinanza italiana, il governo  si adegua e corregge il suo ultimo bando da quasi 1000 posti. Potranno partecipare tutti i giovani stranieri regolarmente residenti in Italia, siano essi immigrati o figli di immigrati e, vista la novità ci sarà più tempo per presentare le domande.

Leggi tutto

Sbarchi e accoglienza: l’appello e l’impegno della Diocesi di Aosta. Con qualche numero »

AostaMentre gli “sbarchi” continuano, mettendo in evidenza squilibri nell’accoglienza fra le varie aree del Paese, il Consiglio pastorale della Valle d’Aosta ha chiesto «che anche la nostra valle provi a fare qualcosa di più». Qualche dato di confronto con la Sicilia.

«Chiediamo che anche la nostra valle provi a fare qualcosa di più». È l’appello lanciato in queste settimanane dal Consiglio pastorale della Diocesi di Aosta, riunitosi con il vescovo Franco Lovignana per discutere, fra gli altri argomenti, dell’accoglienza dei migranti in Italia e nella regione alpina. Leggi tutto

Riforma pensioni, nuovo intervento di D’Alema tra flessibilità e immigrazione »

Riforma pensioni, parla D'Alema: flessibilitàSecondo il presidente della Fondazione Italiani europei le pensioni degli italiani sono pagate dagli immigrati.
La questione previdenziale osservata e analizzata da un altro punto di vista, quello di Massimo D’Alema, presidente della Foundation of European Progressive Studies (FEPS), che intreccia la discussione politica e sindacale in corso sulle diverse proposte per la riforma pensioni con il fenomeno dell’immigrazione. In considerazione dei consistenti flussi migratori verso l’Europa, con una notevole tendenza demografica in continua crescita, “se noi chiudessimo le frontiere – ha detto l’ex presidente del Consiglio – nel 2080 avremmo un pensionato ogni 1,5 lavoratori”. Leggi tutto