Feed RSS dei contenutiNotizie recenti

La situazione dei diritti umani in Italia al vaglio del Gruppo dell’Esame Periodico Universale »

Ginevra – La situazione dei diritti umani in Italia sarà vagliata dal Gruppo di Lavoro dell’Esame Periodico Universale – parte del Consiglio dei Diritti Umani – per la seconda volta lunedì 27 Ottobre 2014. L’Italia è uno dei quattordici stati che saranno esaminati dal Gruppo di Lavoro durante la prossima sessione che si svolgerà dal 27 Ottobre al 7 Novembre. Il primo Esame Periodico Universale dell’Italia ebbe luogo il 9 Febbraio 2010. Leggi tutto

L’irriverente. Immigrati e ‘ius soli et culturae’. »

Qualcuno gioca col fuoco e si scottera’?
Comunicato di Vincenzo Donvito
E’ un gran parlare di “ius soli et culturae”, cioe’ la proposta di concedere la cittadinanza italiana automaticamente ai figli di immigrati non comunitari che, nati in Italia o arrivati in tenera eta’, “abbiano compiuto un percorso di approfondimento e di conoscenza vera dell’identita’ culturale del Paese” (1). Leggi tutto

Immigrazione. Domanda di emersione di lavoro domestico irregolare: »

Onere probatorio e Consiglio di Stato (sent. 2855/2014)
di Cristiana Olivieri *

Continuano ad essere esorbitanti i dati statistici sul lavoro sommerso in Italia, in particolare quello che coinvolge i cittadini stranieri. A seguito di tale emergenza, nel 2012 è stata emanata una cosiddetta “sanatoria” al fine di regolarizzare i rapporti di lavoro non dichiarati dei lavoratori domestici stranieri senza regolare permesso di soggiorno (purché non colpiti da espulsione e senza specifici precedenti penali). Tale sanatoria prevede una procedura di emersione attraverso la quale il datore di lavoro e lavoratore dichiarano, presso lo Sportello Unico per l’Immigrazione, l’esistenza del rapporto di dipendenza al fine di regolarizzarlo. Leggi tutto

Non è sufficiente ridurre il trattenimento degli stranieri nei CIE »

ASGI : E’ un passo avanti nella direzione giusta, ma non è sufficiente: queste strutture devono essere chiuse perché violano la Costituzione e le norme internazionali e della UE.
Anche dopo l’avvenuta approvazione della legge europea 2013-bis che riduce ad un massimo di 90 giorni del periodo di trattenimento nei centri di identificazione e di espulsione (CIE) degli stranieri destinatari di provvedimento di respingimento o di espulsione da eseguirsi con accompagnamento alla frontiera e migliora la disciplina dei presupposti del trattenimento, ASGI continua a richiedere la chiusura di queste strutture che violano gravemente la Costituzione, le norme internazionali e la Direttiva 2008/115/CE sul rimpatrio degli stranieri in condizione di soggiorno irregolare.
Leggi tutto

Immigrazione, Amnesty contro Spagna per deportazioni immediate »

Commissione Ue valuti ipotesi sanzioni (ASCA) – Roma, 23 ott 2014 – La Spagna sta violando la legge internazionale deportando immediatamente i migranti che attraversano i confini dei suoi territori in Nord Africa. Madrid ha annunciato ieri un provvedimento che autorizzera’ la polizia ad espellere le persone che riescono a scavalcare la rete attorno a Melilla e Ceuta, due enclave spagnole al confine con il Marocco, dopo la diffusione di un filmato nel quale si vede un poliziotto spagnolo picchiare un migrante e respingerlo di nuovo al di la’ della rete. Leggi tutto

Immigrazione, le dieci paure (vere o da sfatare) degli italiani »

Secondo una ricerca di Transatlantic Trends ripresa da Giovanna Zincone per La Stampa, rispetto all’accettazione di una immigrazione stabile si rileva un calo dei favorevoli nell’Europa latina (Francia, Italia e Spagna), ma un lieve aumento in Germania e Olanda. In tutti i Paesi l’accettazione dell’immigrazione stabile supera il 50%. Nel Regno Unito però solo di poco: comincia a profilarsi una peculiare preoccupazione dei britannici, scettici sull’integrazione, in particolare degli adulti. Leggi tutto

Migrantes: passo avanti per la concessione della cittadinanza ai bambini stranieri »

di R. Iaria
Roma – “Speriamo che si arrivi a un’intesa sui temi fondamentali”. E’ il commento di mons. Giancarlo Perego, direttore generale della Fondazione Migrantes commentando l’annuncio sui tempi più brevi per la concessione della cittadinanza ai figli dei cittadini stranieri. “Dopo la legge elettorale il governo ha intenzione di portare in Parlamento il tema della cittadinanza ai bambini nati in Italia da genitori stranieri”, ha detto il presidente del Consiglio Matteo Renzi durante una intervista televisiva. Leggi tutto

Immigrazione: la Sicilia dei radar e degli schiavi »

di Francesco Piobbichi Operatore sociale a Lampedusa
La sua faccia è quella di chi ha vissuto troppe umiliazioni per poterle raccontare tutte insieme, i suoi occhi si sono abbassati troppe volte e sembrano senza luce. Le sue mani sono senza anelli, perché una volta una bastonata di un datore di lavoro aveva fatto gonfiare le dita talmente tanto da dover tagliare la fede nunziale. L’uomo senza nome sale in macchina con sua figlia, che a differenza sua parla correttamente l’italiano. Leggi tutto

Ma i bebè non sono tutti uguali »

Quasi tutti i bambini sotto i tre anni potrebbero ricevere il bonus di 80 euro. Sussidi uniformi possono avere un ruolo importante, ma solo se il sistema prevede altre misure contro il rischio di povertà. Oggi in Italia non è così. In ogni caso, meglio diminuire o azzerare le rette dei nidi.
80 EURO PER (QUASI) TUTTI I BAMBINI FINO A TRE ANNI
In tema di interventi contro il disagio socio-economico, la bozza della Legge di stabilità per il 2015 rifinanzia con piccole variazioni i fondi per le politiche sociali e la vecchia carta acquisti di 40 euro al mese, e riserva 500 milioni di euro per interventi a favore delle famiglie. Domenica scorsa il presidente del Consiglio ha annunciato che questa somma sarà destinata a un bonus di 80 euro al mese per i primi tre anni di vita per tutti i bambini, sia italiani che stranieri. Leggi tutto