RSS Feed for This PostHai scelto

Monsignor Warduni: “Gli ultimi cristiani di Mosul costretti ad abbandonare la città”

By Baghdadhope*
La notizia è giunta da qualche minuto dalla voce rassegnata del vicario patriarcale caldeo, Monsignor Shleimun Warduni che ha riferito a Baghdadhope quanto ormai la situazione dei cristiani a Mosul sia tragica.
La città non avrà più abitanti cristiani che, secondo il prelato, “vengono obbligati a lasciare le loro case ed ad abbandonarla”. Si compie così lo svuotamento della componente cristiana della città del nord Iraq ad opera dei combattenti dell’ISIS che, non bastasse questa “epurazione”, fermano i cristiani ai check point all’uscita del centro abitato “sequestrando loro tutto, soldi, averi e persino le auto e dicendo loro: andate, camminate”.Nessuno sa quanti siano i cristiani che già ora stanno lasciando Mosul, questa volta non volontariamente ma costretti, neanche Monsignor Warduni che dice: “non lo sappiamo, forse 50 o 100 famiglie, nessuno sa  nulla.”
Nelle prossime ore queste persone arriveranno, si spera, nei villaggi cristiani attorno alla città o in Kurdistan e forse sarà possibile contarle.
Per ora non si sa di più della loro triste sorte. Si può solo immaginare che molti tra essi cercheranno di fuggire all’estero per lasciarsi alle spalle una città che non li vuole e da dove la loro testimonianza lunga secoli appare destinata a sparire per sempre.
Una sconfitta per l’Iraq multiculturale e multi-religioso, ma anche del mondo che nulla fa.

Print This Post Print This Post    Invia ad un amico Invia ad un amico

Trackback URL

1 Trackback(s)

  1. From Mosul senza cristiani e la balcanizzazione dell’Iraq - Esteri - Corretta Informazione | 21 July 2014

RSS Feed for This PostScrivi un Commento