Migrantes Torino: il 21 marzo la presentazione del progetto di accoglienza in famiglia

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Paola Mariani ha detto:

    continuo a pensare alle migliaia di latino americani che vivono in Italia senza documenti, senza permessi, i quali per i più svariati motivi si sono trovati a essere irregolari, pur avendo casa e lavoro (in nero). Molti collaborano attivamente alle diverse attività lavorative. Resteranno per sempre nel limbo dei “clandestini” ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *