Natalità, c’è un aumento ma è solo relativo Il 12,6% sono figli di coppie di immigrati

Potrebbero interessarti anche...

12 Risposte

  1. francesco lena ha detto:

    Gentile Redazione Le mando questo mio semplice scritto, Veda se ritiene utile pubblicarlo, grazie.

    Riconoscere il diritto di cittadinanza italiana ai figli di immigrati nati in Italia.

    Prima di tutto voglio esprimere piena solidarietà e sostegno al ministro Kyenge, dai continui ingiusti attacchi alla sua persona, senza avere il rispetto della sua dignità, che poi in concreto è una persona per bene, intelligente e molto brava.

    Sta portando avanti, un progetto, una proposta di legge di alto contenuto sociali, civile, in cui contiene un grande valore umano, che i figli di immigrati nati in Italia abbiano il diritto di cittadinanza italiana e diventino da subito, cittadini italiani a tutti gli effetti. Sicuramente bisogna lavorare sul buon senso e dialogo con tutti, per arricchire di contenuti umani, sociali e civili, quel bel progetto, bisogna anche costruire una maggioranza che lo appoggi in parlamento per farlo diventare legge dello stato italiano. spero tanto che venga approvato al più presto possibile, perché farebbe fare al nostro paese l’Italia, un bel passo avanti di civiltà, un passo fondamentale verso la piena integrazione di tante persone che, di fatto sono già cittadini italiani.

    Credo che la società civile, quella legge la vuole la stragrande maggioranza della gente è più che favorevole, è aperta, sono per il si al approvazione della legge che da il diritto di cittadinanza italiana ai figli di immigrati nati in Italia, tra cui un bel si molto prestigioso, quello di Balotelli, bravo Balotelli è il più bel gol della tua carriera.

    Invito tutti i cittadini a sostenere apertamente la proposta del ministro Kyenge, per contribuire da protagonisti per raggiungere l’obiettivo del diritto di cittadinanza italiana a tutti i figli di immigrati nati in Italia. Raggiungere anche l’obiettivo, di una società più giusta, solidale e aperta al futuro, dove ci sia veramente il rispetto dell’altro, della dignità delle persone e il grande valore umano della vita sia sempre messo al primo posto nella scala dei valori.

    Abbiamo anche come punto fermo di riferimento per raggiungere l’obiettivo, la dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, afferma che, ogni individuo ha diritto ad una cittadinanza.

    C’è grande bisogno di una società, veramente aperta, piena di diritti e valori veri, accogliente, solidale, serena, ognuno di noi offra più disponibilità umana, più impegno costruttivo, più bontà, più gentilezza, dia sempre il meglio di sé, fare la propria parte per costruire un futuro migliore, dove tutti gli individui si possano sentire a pieno cittadini italiani, cittadini europei, cittadini del mondo, dentro una bella società, in cui tutti si possa vivere meglio.

    Francesco Lena

    Via Provinciale,37

    24060 Cenate Sopra (Bergamo) Tel. 035/956434

  2. francesco lena ha detto:

    Gentile Redazione Le mando questo mio semplice scritto Veda se ritiene utile pubblicarlo, grazie.

    Lettera aperta al Partito Democratico.

    Caro partito Democratico, vorrei che in occasione del congresso e delle primarie, diventasse una gara di idee, di proposte, per il bene dell’Italia, per l’Europa,per il mondo, sia nei circoli, nelle sedi provinciali, di quartiere, regionale e nazionali.

    Una gara di idee, per fare una buona, sana e bella politica, per la gente, per nostro paese e per il bene comune.

    Una gara di idee, per migliorare il nostro Servizio Sanitario Nazionale, la formazione, la scuola, la ricerca, la previdenza, l’assistenza.

    Una gara di idee, per migliorare la qualità della vita, dei più poveri, dei più deboli, dei più bisognosi , degli anziani, degli ammalati, dei diversamente abili, dei bambini.

    Una gara di idee, per i giovani, per i disoccupati, per la casa, per la famiglia.

    Una gara di idee, per la sicurezza, per le persone, nelle case, fuori casa, sulle strade, sui posti di lavoro.

    Una gara di idee, per migliorare, rispettare l’ambiente, per la prevenzione di frane, alluvioni, incendi.

    Una gara di idee, per combattere la globalizzazione dell’indifferenza, del menefreghismo, dell’egoismo, per invogliare alla partecipazione, alla responsabilità, al prendersi cura delle cose.

    Una gara di idee, per combattere seriamente le mafie, l’evasione fiscale, la corruzione, il malaffare il non rispetto delle regole.

    Una gara di idee, per far crescere la cultura, dell’onestà, della trasparenza, della giustizia sociale, dell’uguaglianza, della democrazia, della libertà.

    Una gara di idee, per l’immigrazione, sul soccorso in mare,sull’accoglienza, sull’ospitalità, sul rispetto della dignità delle persone.

    Una gara di idee, per costruire una vera unione europea, per combattere, i qualunquismi, i populismi, gli egoismi, per una vera unione politica, economica e sociale.

    Una gara di idee, per combattere la fame nel mondo, lo sfruttamento, le disuguaglianze, per la pace, per costruire una società, più giusta, per un futuro migliore, per tutti i cittadini del mondo.

    Francesco Lena

    Via Provinciale,37

    24060 Cenate Sopra (Bergamo) Tel. 035/956434

  3. francesco lena ha detto:

    Gentile Redazione Le mando questa mia semplice poesia, Veda se ritiene utile pubblicarla, grazie

    NATALE 2013

    Babbo Natale, portaci la magia, per vivere questa festa meravigliosa,

    libera dagli egoismi, per unirsi in una gara di collaborazione gioiosa.

    Babbo Natale, portaci la volontà, per far prevalere la bellezza della solidarietà,

    compiere ogni giorno azioni buone, con impegno e generosità.

    Babbo Natale, illumina la nostra società, per far si che il mare diventi un luogo di vita e speranza,

    con grande generosità, portare soccorso alle persone in difficoltà, offrire disponibilità e accoglienza.

    Babbo Natale, portaci la bontà, questa splendida festa sia piena di amore, faccia aprire i nostri cuori,

    per ritrovarsi tutti uniti, sotto l’albero dei veri valori.

    Babbo Natale, aiutaci ha guardare, l’altro negli occhi, per donare con affetto un sorriso,

    quell’albero che è il più bello del mondo, ci farà tendere le mani e tutto sarà condiviso.

    Babbo Natale, portaci la luce, illumini le nostre menti, per aiutare i poveri , i più bisognosi, gli ammalati , anziani, diversamente abili, i bambini e ha prendere coscienza,

    assumersi con coraggio le responsabilità e ha sconfiggere la globalizzazione dell’indifferenza.

    Babbo Natale,portaci la forza, le carceri diventino più umane e di ricupero del valore dell’onestà,

    ci sia l’impegno di tutti, perchè venga salvaguardata la vita delle persone e la loro dignità.

    Babbo Natale, portaci la dolcezza, nelle persone prevalga umiltà, pratichino il bene con gentilezza,

    con una tenera e sincera amicizia, stare bene insieme, sarà per tutti una grandezza.

    Babbo Natale, portaci il dono, dell’ascolto, per sentire la voce di chi chiede aiuto, per costruire una società dell’accoglienza, di giustizia sociale, di pace, che illumini il valore della vita,

    essere aperti, ai fratelli che sfuggono dalle guerre, miserie, offrire loro ospitalità.

    Babbo Natale, portaci la sapienza, per capire che le persone, nascono con eguali diritti e dignità,

    sarebbe bello che per tutta la vita, per tutti i giorni, godessero di questa parità.

    questo sogno, con l’impegno di tutti frenare le disuguaglianze, farlo diventare realtà,

    avremmo raggiunto veramente un’alta civiltà, in cui vivere in armonia e serenità.

    Allora sarà Natale tutto l’anno, con una solidarietà grande come il mondo,

    ricordando con gioia la nascita di Gesù, i bambini di tutta la terra, con i loro bei colori,trasmetteranno la dolcezzadi volersi bene, ci faranno riscoprire le meraviglie della vita si uniranno in festa e con allegria, in un grande girotondo.

    Francesco Lena

    Francesco Lena Via Provinciale,37

    24060 Cenate Sopra (Bergamo) Tel. 035/956434

  4. francesco lena ha detto:

    Gentile Redazione Le mando questo mio semplice scritto Veda se ritiene utile pubblicarlo, grazie.

    Fare volontariato fa bene

    fare volontariato oggi è importante più che mai, c’è ne veramente tanto bisogno. Deve partire da un sentimento interiore di spontaneità, di libertà, di generosità e dalla propria coscienza, di impegno gratuito per gli altri. Entrare a far parte in qualche associazione di volontariato bisogna crederci, per dare il proprio contributo umano, professionale, economico e sociale, richiede tempo, sacrificio e tanta volontà, per dare assistenza, prendersi cura degli altri, dei più deboli, dei più bisognosi.

    Fare volontariato dev’essere, aiuto concreto e solidale, quello che fa scoprire e portare avanti, i grandi valori dell’umanità, metterli in pratica, quelli che fanno crescere culturalmente e socialmente come cittadini del mondo e come persone, in Italia abbiamo tante associazioni di volontariato, è una grande risorsa umana,anche una grande ricchezza per i servizi-sociali resi alle persone bisognose, questo fa onore all’Italia, sono da apprezzare e valorizzare.

    Vorrei fare con semplicità, alcune considerazioni sull’associazione umanitaria EMERGENCY, fondata da Gino Strada nel 1994, che si occupa gratuitamente delle cure mediche, chirurgiche, per i poveri e per le persone vittime delle guerre, conflitti, promuove anche con determinazione e concretezza, una cultura di solidarietà, di pace,di rispetto dei diritti umanitari e di una equa distribuzione delle risorse economiche nel segno dell’uguaglianza, il diritto alla salute sia per tutti i cittadini del mondo. Dal 2005 EMERGENCY opera anche in Italia per garantire a tutti il rispetto di essere curati, con la collaborazione di altre associazioni sparse sul territorio italiano.

    Ora vorrei dire due parole su una associazione di volontariato, la “BDK”, con sede a Cenate Sotto in provincia di Bergamo, lo scopo di questa associazione è di raccogliere fondi per finanziare progetti di beneficenza, organizzando iniziative ricreative e feste aperte a tutti. Negli ultimi anni si sono impegnati per EMERGECY, collaborando con la sezione di Bergamo. Devo proprio dire che è un gruppo di ragazzi fantastici, animati da entusiasmo, passione, voglia di fare per gli altri, per il bene comune. Tutti gli anni organizzano una festa in paese, preparando del mangiare molto buono e anche di una bella musica, questo riescono a farlo, utilizzando parte delle proprie ferie e tutto per raccogliere fondi da donare ad EMERGECY, bravi ragazzi e complimenti. Lo fanno con grande impegno, sacrificio, sapendo di farlo nella condivisione degli obiettivi con EMERGENCY, di fratellanza, di pace e di solidarietà. Questi ragazzi, al di la di tutti gli egoismi e indifferenza che c’è nella società di oggi, danno veramente un bel esempio di protagonismo concreto, stanno dando la priorità di fare del bene, con i loro progetti per rispondere direttamente ai bisogni dei meno abbienti, dei più deboli, dei più bisognosi. Sono ragazzi veramente in gamba, hanno scelto di portare avanti i valori veri e di alta civiltà, di dare il loro contributo per costruire una società migliore, più giusta, una società dove tutti possano vivere un’pò meglio, lo sentono come un dovere morale.

    Poi cari cittadini fare del bene fa veramente bene, sia a chi lo riceve, ma anche a chi lo fa.

    Francesco Lena Via Provinciale, 37

    24060 Cenate Sopra ( Bergamo) tel. 035956434

  5. francesco lena ha detto:

    Gentile Redazione Le mando questo mio semplice scritto Veda se ritiene utile pubblicarlo, grazie.
    La collaborazione fa bene.
    C’è bisogno di più collaborazione nella società, sia a livello generale, nazionale, che a livello locale e interpersonale. Vorrei vedere in circolazione, meno critiche negative, dispregiative, insulti, polemiche, queste seminano nella gente paure, divisioni o addirittura disgregazione e odio, che non fanno proprio per niente bene, ne a chi fa e tanto meno ai cittadini, anche i mezzi d’informazione meno volgarità e aggressività e più obiettività. Vorrei vedere praticata quella critica vivace, intelligente, costruttiva, creativa, propositiva e rispettosa dell’altro, questo sarebbe bello perché è il sale della democrazia, quella critica che unisce, che fa scattare e trionfare la collaborazione, quella che aiuta concretamente a elaborare insieme progetti per risolvere i grandi e piccoli problemi della gente, andrebbe praticata a tutti i livelli e in ogni luogo. Questa secondo me sarebbe la strada migliore da seguire, sia per chi sta al governo, sia per chi sta all’opposizione e per tutti noi cari cittadini e non perdere mai di vista come punto di riferimento i veri valori, per il bene del paese e del bene comune.
    Le tante diversità politiche, di religione, di pensiero, d’idee, d’opinione, dovrebbero essere vissute come una grande ricchezza, civile, sociale, culturale, democratica e di libertà. Per rendere concrete la loro ricchezza di contenuti culturali, basterebbe uno sforzo mentale d’ognuno di noi, per tirar fuori le idee migliori che tutti abbiamo dentro, poi metterle in pratica ogni giorno e in ogni luogo, al servizio della comunità. Cosi si potrebbero contribuire a favorire una convivenza migliore, per una società che ci faccia stare bene insieme, nel dialogo sano e in un sincero costruttivo confronto, puntando a raggiungere, l’obiettivo di una civiltà più alta e più umana.
    A livello generale, istituzioni, partiti, movimenti, religioni, c’è bisogno che sia praticata una bella politica, sana, trasparente, onesta, sincera, anche con più consapevolezza e apertura mentale, per saper affrontare, gestire al meglio i grandi problemi della società di oggi, esempio saper accogliere con umanità, ospitalità, aiutare con più efficacia chi è in condizioni di grande necessità, di fame, di bisogno di salute, di un tetto per dormire. Qui occorre darsi molto da fare per vincere la diffusa indifferenza, gli egoismi, per far prevalere l’impegno la responsabilità e la solidarietà, si favorirebbe la loro integrazione.
    Cari cittadini bisogna proprio darsi una smossa, darsi da fare, aspirare e battersi per costruire una società che ci faccia sentire ed essere concretamente tutti uguali, tutti fratelli, cittadini a tutti gli effetti di questo mondo, dove ci sia veramente giustizia sociale e pace. Poi ognuno di noi in particolare a livello locale, dovrebbe praticare la bella e importante collaborazione, a partire dai, comuni, parrocchie, associazioni, cittadini, poi tutti insieme, valorizzare la solidarietà e la condivisione, questa è la via da seguire per costruire una comunità più unita, rispettosa dell’altro, collaborante, migliore e più giusta.
    Francesco Lena Via Provinciale,37
    24060 Cenate Sopra (Bergamo) Tel. 035956434

  6. francesco lena ha detto:

    Gentile Redazione le mando questo mio semplice scritto Veda se ritiene utile pubblicarlo, grazie.
    Ai nuovi governanti, propongo alcuni punti da inserire nel programma di governo.
    1 Un piano per il miglioramento dei trasporti passeggeri, in particolare quello ferroviario, per superare i grandi disagi dei pendolari, studenti cittadini e lavoratori.
    2 Particolare attenzione alla Sanità pubblica, abolire le lunghe liste di attesa su esami, visite specialistiche e prestazioni sanitarie. Combattere il clientelismo, sprechi, su appalti di acquisto materiale lavori edilizi e prestazioni sanitarie, poi fare controlli efficaci, sulle convenzioni con privati.
    3 Impegno per rafforzare l’unione europea, perché conviene a tutti i cittadini ha garantito 70 anni di pace, adesso è arrivato il momento di impegnarsi per raggiungere l’obiettivo di una vera unione politica, economica e sociale.
    4 Un programma urgente per prevenire gli infortuni sui posti di lavoro, con un’educazione, formazione dei lavoratori e dei datori di lavoro, rispetto delle regole per la sicurezza e la salute sui posti di lavoro, la vita è un valore umano il più alto, va salvaguardata sempre.
    5 Proseguire gli investimenti nella cultura, nella ricerca, sulla conservazione dei beni artistici, dei musei, favorendo l’aumento dei visitatori e lo sviluppo del turismo.
    6 Un piano per investimenti per il rispetto e la tutela dell’ambiente, del territorio e dell’agricoltura, favorendo con incentivi economici e di strutture per la ripopolazione, delle nostre belle colline, montagne e zone abbandonate.
    7 Blocco dell’IVA, negli ultimi anni è stato fatto e ci ha garantito prezzi dei beni di prima necessità bassi, salvaguardando il potere di acquisto dei cittadini.
    8 Un piano per combattere il lavoro sommerso e l’evasione fiscale, bisogna dare più potere ai comuni, la polizia locale sa dove si annidano, il lavoro nero e l’evasione fiscale, una volta individuati segnalarli alla guardia di finanza e agli ispettorati del lavoro.
    9 Fare una bella informazione, formazione dei cittadini, per fare prendere coscienza che pagare le tasse è un dovere e ci sono le leggi che vanno rispettate, servono allo stato per darci dei servizi alla comunità, ai cittadini, dalla sanità pubblica alla scuola, le forze dell’ordine pubblica sicurezza e tanti altri servizi alle persone. Se pagassero tutti il dovuto, si pagherebbe, tutti meno e avremmo servizi migliori, poi abolire i contanti e obbligo di pagare con carte di credito.
    10 Bisogna combattere seriamente le mafie, la corruzione, la malavita organizzata, grosso problema per i cittadini, per la società e per il nostro meraviglioso paese.
    11 Gli immigrati, non serve giurare sul Vangelo e poi non accetarli, respingerli e guardati male, il problema degli immigrati va gestito con intelligenza, responsabilità e soprattutto con grande umanità, se gestito bene, può essere una risorsa per il nostro paese e per l’Europa, visto il calo demografico, poi hanno una dignità da rispettare.
    12 Il reddito di cittadinanza è assistenzialismo, bisogna creare posti di lavoro per i giovani e meno giovani, dare loro una dignità, non c’è proprio bisogno, esiste già il reddito d’inclusione, la cassa integrazione, la disoccupazione.
    13 Mettere nel programma di governo, con l’ aiuto concreto di personale, economico, di strutture e strumenti adeguati, per i più deboli, dei più bisognosi, per le famiglie che hanno a carico persone diversamente abili e dei vecchi non autosufficienti.
    14 Altro che giurare sul vangelo e proclami di razza bianca e d’insulti e parole dispregiative nei confronti di avversari politici, la razza è una sola, quella umana, il rispetto degli avversari politici e delle persone è un grande valore umano, ora è arrivato il momento di mettersi a lavorare per il bene comune.
    Francesco Lena Via Provinciale,37 24060 Cenate Sopra ( Bergamo ) tel. 035956434

  7. francesco lena ha detto:

    Gentile Redazione Le mando questa mia semplice poesia veda se ritiene utile pubblicarla, grazie.
    C’è bisogno di più umanità.
    C’è bisogno di più umanità, l’obiettivo del diritto alla vita va perseguito, aprire il cuore e la mente,
    prendere coscienza, portare aiuti ai bambini nel mondo, ammalati, che muoiono di fame e di sete.
    C’è bisogno di più umanità, costruire ponti verso l’atro, aprire le frontiere, porte e porti,
    mettersi al servizio di chi è in grave difficoltà nel mare, salvarli ci rende migliori, più umani e più forti.
    C’è bisogno di più umanità, con umiltà praticare buone azioni, concrete e con generosità,
    superare l’egoismo, per portare aiuti ai poveri, ai senza tetto, con una vera solidarietà.
    C’è bisogno di più umanità, verso gli ammalati, sia garantito il diritto alla salute, ai vecchi e bambini con amore e semplicità,
    prendersi cura e portare, un sorriso, una carezza e l’ascolto, donerà loro tanta serenità.
    C’è bisogno di più umanità, aprirsi al mondo e avere una visione positiva nei confronti degli immigrati,
    sono una risorsa sana, culturale e sociale per la società, per la famiglia umana e per noi tutti.
    C’è bisogno di più umanità, saper dire no alla costruzione di armi e svuotare gli arsenali,
    per riempire i granai, avere la pace sulla nostra madre terra e da mangiare per tutti.
    C’è bisogno di più umanità, rispetto tra persone, ascoltare e, ascoltarsi nella verità,
    costruire, buone idee, proposte, condividerle, per contribuire a migliorare la società e l’umanità.
    C’è bisogno di più umanità, amare e amarsi tra persone, voler bene alla vita e a tutta l’umanità,
    dialogare, collaborare, salvaguardando sempre la dignità di ogni persona, con pura onestà e sincerità.
    C’è bisogno di più umanità, di uguaglianza per tutti i cittadini del mondo, di giustizia democrazia e di libertà,
    in questa nostra bella e grande famiglia umana, ci sia unità, fratellanza, pace e serenità per tutta l’umanità.
    Francesco Lena Via Provinciale, 37 24060 Cenate Sopra ( Bergamo ) tel. 035956434

  8. francesco lena ha detto:

    Gentile Redazione Le mando questa mia semplice poesia , Veda se ritiene utile pubblicarla, grazie.
    Poesia
    La verità
    La verità è un grande valore umano, se accompagnata con umiltà,
    rende le persone più umane, forti, dona armonia e serenità.
    La verità è luce, dona un futuro sicuro e pieno di belle novità,
    illumina il nostro cammino nella vita, ci da più sicurezza e stabilità.
    In questa epoca che circolano tante falsità, fa riscoprire la bellezza della verità,
    amarla e praticarla rende le persone limpide, più coraggiose nella responsabilità.
    Il grande vantaggio che ci da la verità, rende il nostro comportamento trasparente e sano,
    se accompagnata con il valore dell’onestà, è ancora migliore, dona speranza e porta lontano.
    Amare la verità, ci dona fiducia, tranquillità, ci rende più sereni e sicuri,
    ci da la forza di contribuire alla costruzione di una società più giusta, aperta, ospitale e senza muri.
    Lasciamo fiorire la verità, nelle nostre case, nelle nostre menti e nelle nostre azioni di ogni giornata,
    ci farà stare bene e ritrovare la gioia e la semplicità.
    C’è bisogno i coltivare il desiderio di verità, per migliorare i nostri umori.
    rende gli uomini e donne liberi, porta pace e felicità nei nostri cuori.
    Dire la verità, consente di andare in giro a testa alta, di non avere nulla in cui rimproverarsi,
    ci rende sicuramente persone più coraggiose, da meravigliarsi.
    La verità, è chiara semplice e sempre il momento giusto per dirla e bisogna essere orgogliosi,
    è illuminante, porta a essere nella società, più solidali e generosi.
    La verità, è un bel nutrimento dell’intelligenza,
    se praticata con onestà, umiltà e semplicità, crescerà e germoglierà in tutta l’umanità.
    Francesco Lena Via Provinciale,37
    24060 Cenate Sopra (Bergamo) Tel. 035956434

  9. francesco lena ha detto:

    Gentile Redazione Le mando questo mio semplice scritto veda se ritiene utile pubblicarlo, grazie.
    Alcune considerazione su SALVINI e DÌ MAIO.Caro Salvini, prima del voto del 4 marzo 2018, in campagna elettorale hai giurato sul Vangelo con la corona del rosario in mano, ti chiedo lo hai letto il Vangelo? Non sta scritto di respingere o bloccare sulle navi gli immigrati e di chiudere i porti alle navi che trasportano immigrati. Non sta scritto, di essere contro i fratelli che fuggono, dalla fame, guerre e orrori. Poi ti chiedo quante sono le persone morte annegate in mare o nei lager libici?Caro salvini, salvarli è un fatto umanitario, ancora prima della legge universale del mare che da il diritto di essere salvati. Caro Salvini t’invito gentilmente ad andare su uno di quei gommoni assieme agli immigrati a fare la traversata del mare, ti spiegheranno i loro drammi e i perché rischiano tanto e ti aiuteranno a capire i loro problemi , la loro lotta per la sopravivenza e per un futuro migliore, ti aiuterebbero a capire e praticare anche quello che c’è scritto sul Vangelo.
    La lega ha 49 milioni di euro da restituire allo stato italiano, soldi dei cittadini italiani, ma purtroppo sei riuscito a concordare con dei magistrati, di restituirli in 76 anni a tasso d’interesse zero, ti chiedo visto che sei al governo del paese , perché non estendi per tutti i cittadini italiani di godere delle stesse condizioni, tutti i cittadini sono uguali di fronte alla legge.
    Caro Salvini mi sembra che nelle tue proposte di governo ci sia, che i cittadini possano , avere un arma in proprio per legittima difesa, ma quei soldi che verebbero spese in armi, strumenti di morte, non sarebbe meglio investirli in sicurezza di prevenzione, di furti, di violenze, con una cultura di formazione e di educazione alla legalità, ai valori umani e della vita, poi con il buon esempio di onestà sincerità, rispetto da parte di chi copre responsabilità istituzionali e in particolare da chi ci governa.
    Poi abbiamo l’esempio degli Stati Uniti d’America, dove le armi sono molto diffuse e libere. Ma, purtroppo è dove c’è più violenza e morti per causa delle armi. Caro Salvini sei molto critico e scettico nei confronti dell’Unione Europea. Vorrei ricordarti che l’Europa Unita nei suoi limiti ci ha garantito 70 anni di pace, in cui la stai godendo anche te, se mai tutti insieme cerchiamo di migliorarla.
    Caro Salvini non mi piace chi semina paura, odio, aggressività, o addirittura inventare dei contro, dei nemici, gli immigrati, i nomadi, il diverso, l’altro, non porta bene alla società, all’Italia, all’Europa, alla nostra civiltà umana e non porta bene neanche a te. Caro Salvini, restiamo umani, vorrei invitarti a cambiare visione nei confronti dei fratelli immigrati, per avere una visione più umana, positiva , visto anche il calo demografico in Italia e in Europa, sono e saranno una doppia risorsa, motivo in più per salvarli, aiutarli e integrarli.
    Per ultimo, nel governo verde giallo, ci mancava un ministro del lavoro che non ha mai lavorato, solo in Italia è potuto succedere, che è molto bravo di insultare gli avversari politici, invece di impegnarsi per creare posti di lavoro.
    Un gentile invito a Salvini e Di Maio, fate un bel bagno nei valori umani e della vita, di uguaglianza, giustizia sociale, unità, libertà, onestà, sincerità, dignità, solidarietà. Trasparenza, ospitalità, rispetto, vi farà molto bene.
    Francesco Lena Via Provinciale,37 24060 Cenate Sopra ( Bergamo ) tel, 035956434

  10. francesco lena ha detto:

    Gentile Redazione le mando questa mia semplice poesia di Natale, Veda se ritiene utile pubblicarla, grazie
    Poesia di Natale 2018

    Anche quest’anno con entusiasmo, in una fantastica atmosfera, si festeggia il magnifico Natale,
    ci porta sempre fiocchi di neve e quella luce che ci aiuta ad aprirsi, ai bisogni del mondo attuale.
    Aprirsi a un Natale luminoso, lo splendore di Gesù Bambino, indica la via dei principi universali, da attuare,
    Costruire, quella pace che ci unisce, che semina tra persone, rispetto, condivisione e amore.
    Aprirsi a un Natale creativo, con la mente e col cuore, praticare i valori umani e della vita,
    quelli che ci fanno vivere in armonia bene insieme, nella solidarietà, giustizia sociale e nella fraternità.
    Aprirsi a un Natale positivo, guardare l’alba con gli occhi dei bambini, per scoprire nuovi colori ed emozioni,
    quelli, che aiutano a compiere con amore buone azioni, che dicono di più delle parole e illusioni.
    Aprirsi a un Natale sereno, per portare con dolcezza, un conforto alle persone più deboli e bisognose,
    agli ammalati, vecchi, bambini, diversamente abili, donare loro, una carezza, un sorriso azioni meravigliose.
    Aprirsi a un Natale umano, per far si che i diritti siano garantiti a tutti i cittadini del mondo multicolore,
    diritto alla salute, all’istruzione, al cibo e ai bambini di giocare, ci rende tutti più forti, felici e migliori.
    Aprirsi a un Natale rispettoso, verso il diverso, verso l’altro, verso l’ambiente e la natura,
    con sentita responsabilità, salvaguardare ogni forma di vita, la sua bellezza e l’armonia che la circonda.
    Aprirsi a un Natale di coscienza, superare l’indifferenza, il muro dell’egoismo, per soccorrere i fratelli in mare,
    che, fuggono da guerre, orrori e dalla fame, hanno una dignità, come dice anche il vangelo, sono da salvare.
    Aprirsi a un Natale pieno di fantasia, per seguire la nostra bella luce interiore,
    quella che ci fa vedere i bei frutti che ci dona, nostra madre terra e ci sia un’equa distribuzione con amore.
    Aprirsi a un Natale di speranza, saper guardare le meraviglie dei colori delle persone, è un mondo speciale,
    saper vedere le stupende diversità, belle qualità, ricchezze culturali umane e sociali.
    Aprirsi a un Natale di coraggio, di condivisione, praticare la verità, l’umanità, rendere, magica questa festa,
    accompagnata da umiltà, onestà e bontà, per far si che sia ogni giorno Natale per tutti i cittadini del mondo, nella serenità e fraternità.
    Francesco Lena
    Via Provinciale, 37
    24060 Cenate sopra ( Bergamo ) Tel. 035956434

  1. 16 agosto 2016

    […] il 16 August 2016 in Notizie e appuntamenti di Francesco Lena Commento all’articollo Natalità, c’è un aumento ma è solo relativo Il 12,6% sono figli di coppie di immigrati. C’è bisogno di più collaborazione nella società, sia a livello generale, nazionale, che a […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *