I medici alla Lega: non denunceremo mai i clandestini in cura

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Marchegiani Ezio ha detto:

    nn spetta a noi medici fare i legali o gli amministrativi. Questo non deve lasciare spazio alle ipocrisie, prima fra tutte quella di ostacolare le operazioni di rimpatrio dei clandestini, che per avere una vita umana hanno bisogno di essere aiutati a casa loro, e non spinti nelle braccia della malavita organizzata dalla nostra disoccupazione. Conosco per esperienza diretta lo vita disumana che attende i clandestini non rimpatriati. Lo spirito umanitario di noi medici non deve “usato” per fini politici, come avviene con il titolo di questo lungo articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *